Il compagno Ajith sul Covid-19: Le sue radici sociali sono importanti quanto il virus stesso

La più alta incidenza di decessi Covid si riscontra nei paesi sviluppati, ritenuti avere strutture di trattamento migliori. Sebbene si possano pensare a molte ragioni, il principale colpevole sono le politiche neoliberiste che hanno ridotto i servizi di sanità pubblica. La mancanza di cure tempestive è una delle principali cause di morte negli Stati Uniti e in Italia. Molti non hanno ricevuto alcun trattamento. Per la stragrande maggioranza dei poveri che non hanno un’assicurazione sanitaria negli Stati Uniti (la maggior parte degli afro-americani e degli ispanici), anche le cure primarie sono impossibili.

Lo stesso vale per i disoccupati della classe media. Pertanto, non sarebbero andati dal medico non appena si fossero sentiti male. Nel momento in cui sono stati costretti ad andarci, la malattia sarebbe diventata fuori controllo. La mancanza di attrezzature o personale adeguati ha peggiorato le cose. Trump e altri governanti imperialisti hanno mostrato all’inizio un’elevata irresponsabilità ed egoismo. Invece di prendersi cura della salute delle persone, la loro preoccupazione era mantenere attività economiche ordinarie e alla ricerca del profitto. Anche questo ha contribuito al galoppo del tasso di mortalità visto laggiù. Una perdita così grande è stata causata da una malattia che ha un tasso di mortalità appena del due per cento. Ciò mette in risalto la pura incompetenza e il carattere antipopolare del neoliberismo e del suo capostipite, il capitalismo.

Il ruolo di questi criminali non finisce qui. C’è chi sostiene che l’avvento di tali agenti patogeni sia casuale, nessuno può fermarlo. Poi c’è chi pensa che al massimo le carenze possano essere identificate nelle misure prese per affrontarla. C’è chi lo descrive come una punizione della natura e chi si oppone a questo. La natura certamente non è arrivata come una sorta di potere trascendentale per punirci. Né lo farà in futuro. Eppure, qualcosa del genere è sicuramente avvenuto, nel senso delle parole di Engels.

Engels scrisse che sebbene l’uomo possa vantarsi di aver conquistato la natura, alla fine gli verrà dato un duro colpo dalla natura, ricordandogli chi è veramente il vero padrone. Ciò che intendeva era le conseguenze delle azioni umane. Queste parole, che hanno messo in luce la vacuità delle affermazioni capitaliste, hanno anche suggerito il pericolo del suo approccio allo sviluppo distruttivo.

Questo si vede bene nelle origini e nella diffusione della pandemia di Corona di oggi. Alcuni hanno ridotto la questione a sole cause genetiche. In tal modo nascondono il ruolo svolto dalle relazioni imperialiste che legano il mondo. Tale ruolo viene analizzato scientificamente e discusso nel prossimo articolo principale del numero di maggio di Monthly Review (scritto congiuntamente da Rob Wallace, Alex Liebman, Louis Fernando Shaw e Roderick Wallace).

Anche loro partono dal mercato della carne umida a Wuhan. Ma non si impantanano nelle abitudini alimentari dei cinesi, viste come strane nello sguardo orientalista del mondo imperialista. Piuttosto, il loro saggio entra nelle relazioni sociali ed economiche che sono rivelate da questo mercato. “In che modo il settore alimentare esotico è arrivato a una posizione in cui poteva vendere le sue merci insieme a bestiame più tradizionale nel più grande mercato di Wuhan?” – questo è da dove hanno iniziato.

Sottolineano [che]: “Ben al di là della pesca, il cibo selvaggio in tutto il mondo è un settore sempre più formalizzato, sempre più capitalizzato dalle stesse fonti a sostegno della produzione industriale”. Una catena si estende dal mercato di Wuhan agli entroterra, dove i cibi esotici e tradizionali vengono allevati da operazioni che si affacciano sul bordo di una regione selvaggia in contrazione. E poi un certo numero di catene commerciali / di trasporto collegano tali centri a diversi paesi e grandi città. Il virus Corona arrivò, viaggiando su di esse, proprio come la SARS che lo precedeva.

Alcune multinazionali, come Johnson & Johnson, hanno preparato una mappa di fattibilità in cui potrebbero apparire in futuro nuove cellule germinali. La visione geografica che hanno adottato punta ai paesi del terzo mondo. Il saggio di Monthly Review critica questo approccio. Sottolinea: “Concentrarsi sulle zone di epidemia ignora le relazioni condivise dagli attori economici globali che modellano le epidemiologie”. Quando si prendono in considerazione queste relazioni, non i paesi del terzo mondo, ma le principali fonti di capitale globale – New York, Londra e Hong Kong – si rivelano i peggiori punti di crisi. Questi nuovi virus dannosi per l’uomo si diffondono dalla vita selvaggia. Gran parte di ciò sta accadendo oggi ai confini del capitalismo. Cioè, nelle restanti aree forestali. La deforestazione distrugge gli habitat della fauna selvatica portatrice di malattie, creando così le condizioni per la sua diffusione. Nel giro di pochi giorni, i nuovi agenti patogeni che hanno iniziato il loro viaggio da foreste scarsamente popolate, si sono diffusi in tutto il mondo, al riparo da una globalizzazione a cavallo del tempo e dello spazio.

Il nocciolo di questo saggio può essere così riassunto: i virus che erano stati in gran parte contenuti attraverso le complessità delle foreste tropicali sono entrati nel mainstream attraverso la deforestazione causata dal capitale e i deficit di sanità pubblica e di risanamento ambientale.
In breve, i cambiamenti nelle condizioni di sostentamento e nelle condizioni ambientali della stragrande maggioranza, causati dalla globalizzazione e dalle politiche neoliberiste, stanno alla base dell’attuale tragedia. La sua soluzione principale è la distruzione del sistema imperialista e il successo del progetto Comunista. Questo è l’unico percorso per realizzare un’umanità che valorizza la vita umana e redime la natura, di cui anche quelle vite fanno parte.

In effetti, sia Cuba che il Vietnam indicano questa possibilità. Oggi non sono paesi socialisti. Sono paesi che sono stati intrecciati dalle relazioni imperialiste in un modo o nell’altro, dal ripristino del capitalismo. Quando la Cina aumentò i suoi salari, i monopoli globali si trasferirono in Vietnam. Tuttavia, permangono ancora alcuni resti dell’era socialista.

Il settore sanitario è ancora in gran parte nel settore pubblico. Ci sono organizzazioni che possono contribuire al volontariato su larga scala. Questi paesi sono stati aiutati da tali fattori nella lotta contro la pandemia. Si può vedere come anche le conquiste della vecchia era socialista abbiano giovato alla Cina, ora un paese imperialista. Il Kerala, dove il settore della sanità pubblica è stato ampiamente difeso dalle lotte di massa, è stato in grado di combattere [il virus] Corona in un modo migliore rispetto ad altri Stati indiani. Nel frattempo, i grandi ospedali del settore privato allontanano in modo disumano le persone che si avvicinano a loro con il raffreddore o la febbre.
Resta da vedere quanto durerà. L’impatto che [il virus] Corona ha creato determinerà sicuramente una ripresa della sanità pubblica. Tuttavia, la sua subordinazione alla dinamica del capitale imporrà barriere. La memoria del capitale è piuttosto debole. Vi sono buone probabilità che le richieste di profitto costringano ancora una volta il settore pubblico a cedere alla privatizzazione. Anche se il sistema sanitario pubblico viene mantenuto, potrebbe essere usato come una grande fonte di dati al servizio del capitale. Questo è ciò che è stato visto nell’accordo di Springler *, che ha permesso alla raccolta di dati difficilmente attenta alla privacy individuale.

I dati raccolti con il pretesto di servire il servizio sanitario pubblico potrebbero diventare materie prime per prodotti farmaceutici, compagnie assicurative e altri. Questo è un nuovo, più pericoloso, livello di privatizzazione. Il capitale sarà in grado di trarre profitto nascondendosi dietro le strutture del settore pubblico; assolutamente indirettamente. Lo stesso vale per l’app per la salute che Modi [il primo ministro indiano n.d.t] sta promuovendo.

Non è sufficiente avere un settore pubblico. Deve essere quello che serve veramente il popolo. Ciò sarà possibile solo quando diventerà parte di una transizione verso una società che elimini il divario tra privato e pubblico nell’economia e nelle infrastrutture. Se questo deve essere rianimato in qualsiasi paese del mondo, non [può esserlo] come un’ombra del socialismo ma come una transizione verso il comunismo, come una rivoluzione continua, deve essere guidato dall’attuale sviluppo della teoria comunista.

* Un accordo fatto con una compagnia di elaborazione dati statunitense dal governo federato del Kerala guidato dal revisionista Partito Comunista Marxista durante l’attuale pandemia

Translation: https://guerrapopolare-india.blogspot.com/2020/05/il-compagno-ajith-sul-covid-19-le-sue.html